giovedì 30 gennaio 2020

Frittelle di mele e uvetta


INGREDIENTI

400 gr di farina 00
70 gr di uvetta ammollata e strizzata
1 mela golden
2 uova
2 cucchiai di zucchero semolato
1 bicchiere di latte
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
olio di arachidi per friggere
zucchero a velo per servire


PROCEDIMENTO

Amalgamare lievito, farina, sale, uova e zucchero, impastando il tutto con il latte.
Coprire con pellicola per alimenti e far riposare 30 minuti a temperatura ambiente.
Unire l'uvetta e la mela (pelata, privata del torsolo e tagliata a pezzettini), mescolare al resto e friggere un cucchiaio per volta nell'olio bollente.
Scolare su carta assorbente, cospargere con zucchero a velo e servire subito.

mercoledì 29 gennaio 2020

Spezzatino di soia con cipolle e patate

Spezzatino di soia con cipolle e patate (19)
Spezzatino di soia con cipolle e patate (1)
Spezzatino di soia con cipolle e patate (2)Spezzatino di soia con cipolle e patate (3)
Spezzatino di soia con cipolle e patate (4)Spezzatino di soia con cipolle e patate (6)
Spezzatino di soia con cipolle e patate (10)
Spezzatino di soia con cipolle e patate (15)

Questo spezzatino vegan non ha proprio nulla da invidiare agli spezzatini classici e io l’ho servito con successo anche a non vegetariani (generalmente scettici): mi hanno chiesto che carne avevo usato, perché era  veramente tenera!
Niente carne invece, si tratta di bocconcini di soia disidratata: quando si fanno rinvenire in acqua prendono una consistenza spugnosa, ma se si cuociono a lungo, come un vero spezzatino, diventano teneri e si insaporiscono con gli altri ingredienti, creando un buonissimo piatto proteico per tutta la famiglia.
Dovendo insaporire il vostro spezzatino, utilizzate pure erbette aromatiche in quantità: se non ne avete a portata di mano di fresche, utilizzate quelle essiccate: io ho scelto la miscela  biologica Melauro di Gepparomi (alloro, mentuccia e savia), di solito indicato per pesce e legumi, ma che si sposa benissimo anche con il mio spezzatino di soia!

INGREDIENTI (per 4 persone)
    • bocconcini di soia disidratati 150 g
    • patate 4
    • cipolle 2
    • erbe aromatiche fresche o essiccate
    • olio extravergine d’oliva
    • sale
    • pepe


PROCEDIMENTO
  • Mettere i cubetti di soia in una ciotola capiente e coprire abbondantemente d’acqua: lasciarli immersi per circa 20 minuti.
  • Strizzare i cubetti di soia e metterli in una ciotola: tenerli da parte.
  • In una casseruola di coccio o acciaio far appassire la cipolla tagliata grossolanamente in tre cucchiai di olio.
  • Unire le patate, far rosolare un po’, poi aggiungere i cubetti di soia strizzati.
  • Aggiungere sale, pepe e aromi, poi coprire d’acqua e far cuocere al minimo per circa un’ora o un’ora e mezza: i cubetti di soia e le patate dovranno risultare morbidi e il sugo non brodoso, ma nemmeno troppo asciutto.
  • Regolare di sale e pepe e servire.

martedì 28 gennaio 2020

Raviole alla mostarda

Raviole con la mostarda (27)
Raviole con la mostardaRaviole con la mostarda (3)
Raviole con la mostarda (4)Raviole con la mostarda (5)
Raviole con la mostarda (6)Raviole con la mostarda (7)
Raviole con la mostarda (9)Raviole con la mostarda (11)
Raviole con la mostarda (12)Raviole con la mostarda (13)
Raviole con la mostarda (16)Raviole con la mostarda (17)
Raviole con la mostarda (18)Raviole con la mostarda (19)
Raviole con la mostarda (20)Raviole con la mostarda (21)
Raviole con la mostarda (25)Raviole con la mostarda (26)
Raviole con la mostarda
Le raviole sanno di festa e sono un dolce accompagnamento come fine pasto e una merenda sana e nutriente: qui a Bologna si fanno spesso durante le feste e si usa servirle come dolcetto di fine pasto, assieme a qualche buon liquore casalingo.
Sono ideali per essere confezionate in sacchettini trasparenti e portate in dono se si è invitati a pranzo o a cena da parenti e amici.
Questa è la ricetta di mia nonna Gianna, che faceva delle raviole buonissime, che inondavano la cucina di un profumino delizioso.
Provatele a merenda accompagnandole con succo di mela biologico Rob del Bosco Scuro: sentirete che delizioso connubio di sapori!
INGREDIENTI
Per l'impasto:
1 kg di farina
400 gr di zucchero
2 bustine di lievito per dolci
5 uova
200 gr di burro
Per farcire:
mostarda

PROCEDIMENTO
Fare la fontana con la farina, aggiungere le uova, lo zucchero, il burro e lievito, impastare bene e formare una palla liscia ed omogenea.
Far riposare mezz'ora in frigorifero dentro un sacchetto di nylon.
Stendere la pasta non troppo sottile, ricavare le raviole con un tagliapasta rotondo e porvi al centro un cucchiaino di mostarda.
Chiudere a mezzaluna premendo sui bordi, metterle su una teglia foderata con carta da forno e cuocere a 180° C fino a doratura.
Far raffreddare e servire.
Si conservano a lungo in contenitori di latta.

Tigelle montanare con lievito di birra

Tigelle montanare con lievito di birra (10)
Tigelle montanare con lievito di birra (1)     Tigelle montanare con lievito di birra (2)
Tigelle montanare con lievito di birra (3)     Tigelle montanare con lievito di birra (4)
Tigelle montanare con lievito di birra (6)     Tigelle montanare con lievito di birra (7)
Tigelle montanare con lievito di birra (8)     Tigelle montanare con lievito di birra (9)

Questo è un tipico prodotto montanaro modenese, che prende il nome di "crescentina" nella zona  d'origine, ma nel bolognese viene chiamata "tigella". Le "tigelle" sono in realtà gli antichi dischetti di terracotta che venivano messi accanto alla brace del camino e impilati uno sull'altro, mettendo ogni due tigelle un dischetto di pasta in mezzo a due foglie di castagno.
Adesso si usano per la cottura delle pratiche tigelliere di ghisa che si possono usare sul fornello a gas: ne esistono di diverse misure, quella da sette tigelle è molto pratica (anche se un po' più pesante) perché consente di affrettare i tempi di cottura.
Ho abbinato a queste tigelle, farcite con vari salumi, formaggi e verdure, un vino piemontese biologico, il Dolcetto d’Acqui dell’azienda vitivinicola biologica Bellati Maria Carla, adatto a tutto pasto.

INGREDIENTI (per circa 40 tigelle/per 6-8 persone)

    • farina 0  1 kg
    • lievito di birra fresco 1 cubetto (25 g)
    • acqua 500 ml
    • olio extravergine d'oliva 4 cucchiai
    • sale fino 2 cucchiaini


PROCEDIMENTO

  • Mescolare tutti gli ingredienti impastando per qualche minuto, fino ad ottenere un impasto omogeneo.
  • Formare una palla e farla lievitare 3/4 ore, coperta con una ciotola, a temperatura ambiente.
  • Impastare per un po' la pasta lievitata, poi formare 40 palline (oppure stendere la pasta col mattarello e ricavarne dei dischetti con un tagliapasta o un bicchiere) e farle lievitare un'altra ora sotto un canovaccio a temperatura ambiente.
  • Preriscaldare sul fornello a gas (né troppo alto, né troppo basso) la tigelliera per circa 10 minuti, poi disporre le palline (o i dischetti) negli incavi dello stampo, chiudere e cuocere per qualche minuto, controllando di tanto in tanto: voltare una sola volta la tigelliera per cuocere anche dall'altro lato.
  • Disporre le tigelle cotte in un cestino, avvolte da un canovaccio.
  • Servirle bollenti, accompagnandole con pesto (lardo tritato con aglio e rosmarino) e parmigiano, salumi, formaggi, verdure sott'olio e sott'aceto, marmellata o crema di cacao alle nocciole.

sabato 25 gennaio 2020

Risotto con porro e funghi champignon

Risotto con porro e funghi (9)

Risotto con porro e funghi (1)Risotto con porro e funghi (2)
Risotto con porro e funghi (3)Risotto con porro e funghi (4)
Risotto con porro e funghi (5)Risotto con porro e funghi (7)
Risotto con porro e funghi (8)Risotto con porro e funghi (10)
Ecco un altro risotto vegetariano da legarsi i baffi: morbido e cremoso, fa venir davvero voglia di mettersi a cucinarlo subito!
Se non avete le verdure in casa per ottenere il brodo vegetale per cuocere il risotto, consiglio di utilizzare il brodo vegetale Sarchio, in comodi cubetti da tenere in casa per le emergenze: va benissimo anche per chi è celiaco, poiché si tratta di un prodotto senza glutine!

INGREDIENTI (per 4 persone)
  • funghi champignon 500 g
  • riso carnaroli 350 g
  • burro 100 g
  • parmigiano grattugiato 50 g
  • brodo vegetale 1,5 litri
  • cipolla 1
  • sale
  • pepe


PROCEDIMENTO
Sciacquare velocemente i funghi sotto l’acqua fresca e asciugarli (se non sono molto sporchi basta pulirli con un canovaccio pulito appena umido): togliere il pezzetto di gambo finale con la terra e tagliare i funghi a fettine.
In una tegame antiaderente, far soffriggere la cipolla tritata con 50 g di burro: una volta appassita la cipolla, farvi tostare il riso per qualche istante, finché comincia a sfrigolare.
Aggiungere al riso i funghi e un mestolo di brodo caldo per volta, mescolando e precedendo nello stesso modo ogni volta che il riso si asciugherà.
Procedere così fino alla fine della cottura.
Regolare di sale, aggiungere una macinata di pepe fresco, il burro rimasto, il parmigiano, mezzo mestolo di brodo, mescolare bene, mettere il coperchio, spegnere il fuoco e "dimenticarsi" del riso lasciandolo riposare per circa 5 minuti.
Servire caldo.

venerdì 24 gennaio 2020

Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi

Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (17)
Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (1) Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (2)
Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (3) Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (4)
Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (5) Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (8)
Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (9) Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (10)
Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (11) Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (12)
Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (13) Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (14)
Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (15) Polpette di zucca vegetariane al sugo di pomodoro e funghi (16)
Le polpettine con la zucca mi piacciono tanto e sono una variante vegetariana ottima da servire con questo sughetto di pomodoro e funghi: di solito piacciono a tutti, mica solo ai vegetariani!

INGREDIENTI (per 4/6 persone)
Per le polpette:
500 gr di zucca già pulita (senza buccia, semi e filamenti)
400 gr di pangrattato
50 gr di parmigiano grattugiato
1 uovo
qualche rametto di timo
sale
pepe

Per il sugo:
500 gr di funghi champignon freschi
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
sale
pepe

PROCEDIMENTO
Tagliare la zucca a cubetti e metterla in una larga padella con due cucchiai d’olio: far asciugare per qualche minuto a fuoco moderato, rigirando spesso con un cucchiaio di legno.
Dopo circa 10 minuti togliere dal fuoco e far raffreddare.
Mettere la zucca nel mixer assieme a 300 gr di pangrattato, parmigiano, uovo, una presa di sale, una di pepe e le foglioline di timo.
Mixare velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo e non troppo morbido: se dovesse risultare troppo appiccicoso, aggiungere pangrattato poco per volta, fino ad ottenere un impasto lavorabile con le mani.
Bagnarsi leggermente le mani e formare delle polpette non più grandi di una noce: passarle nel pangrattato rimasto e friggerle in una padella con un dito di olio bollente.
Far dorare le polpette rigirandole delicatamente: scolarle su carta assorbente e mettere da parte.
In una larga padella far soffriggere in tre cucchiai d’olio la cipolla e l’aglio tritati, unire i funghi a fettine e farli cuocere a fuoco vivo, mescolando spesso, per circa cinque minuti.
Regolare di sale e pepe, far ritirare un po’ l’acqua dei funghi, poi unire la salsa di pomodoro e qualche fogliolina di timo.
Aggiungere le polpette, un bicchiere d’acqua e far ritirare il sugo, senza farlo asciugare troppo.
Regolare di sale e pepe.
Servire calde o tiepide.

mercoledì 22 gennaio 2020

Gnocchi di ricotta

Gnocchi di ricotta - ricetta base (7) - Copia
Gnocchi di ricotta - ricetta base (1) - CopiaGnocchi di ricotta - ricetta base (2) - Copia
Gnocchi di ricotta - ricetta base (3) - CopiaGnocchi di ricotta - ricetta base (4) - Copia
Gnocchi di ricotta - ricetta base (5) - CopiaGnocchi di ricotta - ricetta base (6) - Copia
Gnocchi di ricotta - ricetta base (8) - Copia

Questa ricetta è una scoperta recente e devo dire che in casa mia ha avuto un grande successo.
Questi gnocchi di ricotta delicati hanno una consistenza elastica e tengono bene la cottura: si preparano velocemente e possono essere conditi con burro e salvia, pesto o salsa di pomodoro.

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • ricotta fresca 400 g
  • farina 0 300 g
  • sale 1 pizzico


PROCEDIMENTO
Mettere la ricotta in una ciotola e lavorarla bene per ammorbidirla, poi unire la farina e il pizzico di sale.
Amalgamare bene fino ad ottenere un impasto liscio, ricavare dei cilindri larghi un dito, tagliarli a tocchetti di due cm e passarli sui rebbi di una forchetta, mettendoli su un vassoio coperto con un canovaccio e cercando di farne un solo strato per non ammassarli.
Lessare gli gnocchi di ricotta in abbondante acqua salata e scolarli appena vengono a galla e l'acqua riprende il bollore.
Condirli con salsa di pomodoro o burro e salvia o pesto, a piacere.
Servire subito.

Scrivo anche qui: