Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

domenica 23 febbraio 2014

Orecchiette–ricetta base

Orecchiette - ricetta base (19)

Orecchiette - ricetta base (2)Orecchiette - ricetta base (3)

Orecchiette - ricetta base (4)Orecchiette - ricetta base (5)

Orecchiette - ricetta base (6)Orecchiette - ricetta base (7)

Orecchiette - ricetta base (8)Orecchiette - ricetta base (9)

Orecchiette - ricetta base (10)

Orecchiette - ricetta base (11)Orecchiette - ricetta base (12)

Orecchiette - ricetta base (13)Orecchiette - ricetta base (14)

Orecchiette - ricetta base (15)Orecchiette - ricetta base (16)

Orecchiette - ricetta base (17)Orecchiette - ricetta base (21)

Orecchiette - ricetta base (22)Orecchiette - ricetta base (23)

Orecchiette - ricetta base (24)

Orecchiette – ricetta base

Le orecchiette, piatto tipico pugliese, sono un formato di pasta veramente versatile: accolgono bene ogni tipo di sugo, grazia alla loro rugosità e alla forma a scodellina.

Ho provato a realizzarle a casa e devo dire che mi sono venute piuttosto bene: sono davvero soddisfatta!

Essiccate si conservano a lungo, altrimenti si possono anche surgelare: io le preferisco fresche… hanno una consistenza incredibile che si accompagna a sughi freschi di pomodoro o di verdure, una vera golosità!

Visto che sono emiliana e non pugliese, non mi voglio prendere certo delle sgridate dalle amiche pugliesi, che avranno mille ragioni di riprendermi, se riterranno le mie orecchiette poco degne: per correttezza, segnalo il post di Ornella, del blog Ammodomio, che insegna come fare le orecchiette e dà un sacco di spunti interessanti! Ecco il post: http://ammodomio.blogspot.it/2013/05/come-si-fanno-le-orecchiette-pasta.html

 

INGREDIENTI (per 4/6 persone)

500 gr di semola di grano duro (non rimacinata)

200 ml di acqua tiepida (circa)

 

PROCEDIMENTO

Mettere la farina a fontana sulla spianatoia (o in una ciotola) e versarvi a filo l’acqua appena tiepida, cominciando ad impastare con le mani.

Impastare a lungo (almeno 10/15 minuti) e, raggiunta la consistenza voluta (impasto sodo, ma non sbricioloso), coprire con una ciotola e far riposare una mezz’ora a temperatura ambiente.

Ricavare delle cordelline di pasta, lavorando piccoli pezzi di impasto sul piano di lavoro con le mani.

Tagliare a piccoli tocchetti i rotolini e usare un coltellino (liscio, con la punta tondeggiante) per ricavare da ogni tocchetto un orecchietta, da “rovesciare” poi sul pollice, come vuole la tradizione (vedi foto).

Disporre le orecchiette su un vassoio coperto con un canovaccio pulito, distanziate tra loro, altrimenti si appiccicano.

Cuocere le orecchiette in abbondane acqua bollente salata e scolare quando vengono a galla.

Condire a piacere: i condimenti tradizionali sono con cime di rapa o salsa di pomodoro.

4 commenti:

  1. Ciao Monia, piacere di conoscerti! Le orecchiette! Quanto mi piacciono e come ti sono venute bene! Sono tipiche del mio paese natio, le faccio spesse anch'io! AL tegamino sono ottime.
    Come te vivo in campagna e cucino prevalentemente quello che l'orto mi regala (lo coltivano per me i miei suoceri) ed amo l'home made più di ogni altra cosa. Cerco di fare tutto da sola e di insegnare questo ai miei bambini.
    Grazie della visita e alla prossima.

    RispondiElimina
  2. Ciao Natalia, il piacere è tutto mio! Mi fa piacere il tuo giudizio sulle orecchiette... non sono pugliese, ma mi piace sperimentare la cucina regionale italiana, che è ricchissima di spunti interessanti e ricette incredibili! La cucina pugliese è piena di idee goderecce per una vegetariana come me, quindi troverai resto delle altre ricette tradizionali provate dalla sottoscritta... speriamo bene!! Ciao da Bologna, Monia.

    RispondiElimina
  3. Ma brava!!! Per essere la prima volta... Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Ornella per i suggerimenti utilissimi che ho trovato sul tuo blog! Ciao e a presto, Monia.

      Elimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura