Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

giovedì 12 gennaio 2012

Lingua di manzo lessata nel brodo

Linua di manzo lessata (5)Linua di manzo lessata (1)Linua di manzo lessata (2)Linua di manzo lessata (3)Linua di manzo lessata (4)Lingua di manzo lessataLinua di manzo lessata (7)

La lingua di manzo non può mancare nel lesso della domenica di una famiglia bolognese ed è molto ambita, perché tenera “come il burro”, come diceva mia nonna: spesso bisogna prenotarla dal macellaio di fiducia, perché molto richiesta, quindi bisogna organizzarsi per tempo… ma ne vale davvero la pena.

La lingua viene lessata nel brodo assieme ad altri tagli di carne di manzo, gallina e verdure: per ottenere un buon lesso, la carne va aggiunta al bollore, mentre se si vuole ottenere un buon brodo si deve aggiungere nell’acqua fredda, poi portarla a bollore. Un brodo di carne, per essere buono, deve bollire almeno cinque ore: mia nonna si svegliava presto la domenica mattina e “metteva su la pentola”, che bolliva fino a mezzogiorno. Non per niente i miei ricordi dei giorni di festa sono legati al profumo del brodo, già al risveglio, che inondava la casa pronta ad accogliere tutta la famiglia per il pranzo a base di tortellini e lesso.

A questo piatto delizioso ho abbinato il vino adatto carni importanti, il Barbera del Monferrato Superiore d.o.p biologico, vino già premiato dell’Azienda Vitivinicola da agricoltura biologica Bellati Maria Carla di Acqui Terme, in provincia di Alessandria.

Per avere informazioni e ordinare gli ottimi vini biologici direttamente in azienda, si può scrivere a: mariacarla.bellati@fastwebnet.it

 

INGREDIENTI

1/2 lingua di manzo

carne di manzo per brodo (punta di petto e gommosa)

1/2 gallina

1 osso spugnoso

1 cipolla

2 coste di sedano

3/4 carote

croste di parmigiano (facoltativo)

sale

 

PROCEDIMENTO

Mettere le verdure in una grande pentola con l’osso, aggiungere un pugno di sale grosso e riempirla d’acqua: portare a bollore, poi unire la carne di manzo, la gallina, le croste di parmigiano (precedentemente “grattate” con un coltellino per pulirle").

Cuocere il brodo al minimo per circa 5 ore: deve soltanto sobbollire e ogni tanto va schiumato con la schiumarola (soprattutto all’inizio).

Dopo cinque ore spegnere e togliere carne e verdure dal brodo (che verrà filtrato e utilizzato per tortellini, minestre, zuppe o risotti).

Pelare la lingua e affettarla: servirla in un piatto da portata accompagnandola con il resto del lesso tagliato a pezzi e le verdure.

La carne è già saporita, ma c’è chi ama aggiungervi sopra un po’ di sale fino direttamente prima di mangiarla.

Servire insieme a purè di patate e salsa verde.

12 commenti:

  1. Ciao piacere sono Francesca! dal commento che hai lasciato per il contest di Menta Piperita ho visto che sei di Bologna come me! che bello, una vicina di casa! sono passata a salutarti complimenti per il blog, è molto bello (grafica compresa)! ps: ti seguo! a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy, grazie a te di essere passata: w le bolognesi!!!

      Elimina
  2. il bollito misto un piatto anche piemontese, non avevo mai cotto la lingua nel brodo di carne però... mi hai fatto venir voglia di provare ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui a Bologna si usa farlo con la lingua: mia nonna faceva sempre così! Ciao e buona giornata, Monia.

      Elimina
  3. Non mi sono mai azzardata nella preparazione della lingua... Prima o poi mi cimenterò :)
    Buon fine settimana,
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, qui a Bologna è la tradizione e mia nonna il brodo lo ha sempre fatto così. Ciao e buona giornata, Monia.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Bravo Roberto, sono curiosa di sapere se ti è piaciuto questo brodo della tradizione bolognese!

      Elimina
  5. Ho fatto un ottimo bollito per la cena di questo capodanno con bagnetto verde. Ho sempre bollito lingia e manzo assieme ma poi mi hanno fatto venire la paranoia dicendomi che la lingua rilascia sostanza che rovinano la qualità del brodo per cui l'ho bollita separaya. Che ne pensi?più sopra ho letto di un emiliano che cuoce tutto assieme. Mi sa che recupero il brodo della lingua e lo unisco all'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arturo, anche a casa mia si cuoce tutto assieme!

      Elimina
  6. Ho appena fatto il bollito per il mio cenone quest'anno è ho cotto la lingua a parte dal manzo (diversamente da quanto ho sempre fatto) per che mi hanno detto che la lingua rilascia sostanza che rovinano la qualità del brodo. Che ne pensi? Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'avevo mai sentito dire sinceramente. Mia nonna lo faceva così e ti assicuro che ha sempre avuto un gran successo! Ciao e buonissima giornata, Monia.

      Elimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura