Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

martedì 3 settembre 2013

Patate fritte multicolore dell'OrtoLà

Patate fritte multicolore dell'OrtoLà (7)

Patate fritte multicolore dell'OrtoLà (1)Patate fritte multicolore dell'OrtoLà (2)

Patate fritte multicolore dell'OrtoLà (3)Patate fritte multicolore dell'OrtoLà (4)

Patate fritte multicolore dell'OrtoLà (5)Patate fritte multicolore dell'OrtoLà (6)

Patate fritte multicolore dell'OrtoLà

Mamma mia, che soddisfazione togliere dalla terra con le proprie mani le patate: se non l’avete mai fatto, dovete provarlo, è veramente emozionante e sembra una caccia al tesoro, alla ricerca dei tesori nascosti sottoterra… si torna bambini!

All’OrtoLà della Colette ho potuto fare questa bella esperienza: mi sono tornati in mente tanti ricordi, di quando andavo a “spigolare” le patatine rimaste nei campi dopo la raccolta con le macchine assieme ai miei nonni… mi piaceva tanto!

Se ci penso adesso, mi fa un po’ tristezza vedere nei campi i frutti della terra lasciati lì a marcire, dopo la raccolta regolare, perché quasi più nessuno pratica più questa attività gratuita così sostenibile… molti proprietari terrieri non ti lasciano nemmeno avvicinare e piuttosto lasciano andare in malore quello che le macchine non riescono a raccogliere o è troppo piccolo per la vendita… quanto egoismo, spreco e scarsità di valori!

All’OrtoLà di valori ce ne sono un sacco e una sporta e questo fa diventare questo semplice piatto veramente ricco e gratificante!

INGREDIENTI (per 4 persone)

2 kg di patate (bianche, gialle, rosse, viola… chi più ne ha più ne metta!)

3/4 spicchi d’aglio

2/3 rametti di rosmarino

sale

abbondante olio di arachidi per friggere

 

PROCEDIMENTO

Sciacquare le patate, pelarle, asciugarle bene e tagliarle nella forma desiderata: io uso un taglia patate che ho ereditato da mia zia Graziella (sta bene, grazie, ma mi piacevano così tanto le sue patate fritte, che si è vista costretta a regalarmelo!) che le rende piacevolmente irregolari.

Scaldare abbondante olio in una larga padella: quando inizia a friggere bene (fate la prova con una patatina: se comincia a friggere subito è pronto), calarvi le patate, senza ammassarle, in un unico strato.

Farle friggere senza toccarle: appena cambieranno colore, si potranno rigirare con una schiumarola, per cuocerle uniformemente.

Aggiungere gli spicchi d’aglio pelati e leggermente schiacciati e il rosmarino intero a metà cottura.

Le patate sono pronte quando sono dorate (non troppo) all’esterno e morbide all’interno: scolarle bene dall’olio aiutandosi con una schiumarola, adagiarle su carta assorbente (meglio la carta gialla) e farle asciugare un po’ dall’olio rigirandole velocemente.

Salare con la salamoia bolognese, mescolare e servire immediatamente.

2 commenti:

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura