Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

domenica 28 aprile 2013

Malloreddus alla campidanese - Gnocchetti sardi al sugo di salsiccia

Malloreddus alla campidanese - Gnocchetti sardi al sugo di salsiccia (6)_thumb[17]

P1280673content_img

Malloreddus alla campidanese - Gnocchetti sardi al sugo di salsiccia (1)Malloreddus alla campidanese - Gnocchetti sardi al sugo di salsiccia (2)

Malloreddus alla campidanese - Gnocchetti sardi al sugo di salsiccia (3)Malloreddus alla campidanese - Gnocchetti sardi al sugo di salsiccia (4)Malloreddus alla campidanese - Gnocchetti sardi al sugo di salsiccia (5)


Malloreddus alla campidanese - Gnocchetti sardi al sugo di salsiccia

Una ricetta tradizionale sarda, originaria della regione del Campidano, ma ormai diffusa in tutta l’isola: gli gnocchetti sardi, fatti con semola di grano duro e acqua, si possono trovare fatti a mano al negozio di pasta fresca, ma adesso sono molto diffusi quelli prodotti industrialmente di pasta secca… anche se ovviamente quelli freschi sono tutta un’altra cosa!

Per questa ricetta ho utilizzato il puro zafferano in fili di Samassi dell’Azienda Agricola Antonio Nicola Cabiddu, situata in Sardegna, nel Medio Campidano, zona d’eccellenza dove viene prodotto circa l’80% dello zafferano italiano.

INGREDIENTI (per 4 persone)
400 gr di gnocchetti sardi
500 gr di salsiccia fresca
500 gr di pomodori maturi
100 gr di pecorino sardo grattugiato
1 pizzico di zafferano in pistilli
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
basilico
olio extravergine d’oliva
sale

PROCEDIMENTO
Far soffriggere cipolla e aglio tritati in poco olio, unire la salsiccia pelata e sbriciolata con le mani e rosolare un po’.
Unire i pomodori a pezzetti (pelati e privati dei semi), il basilico spezzettato, lo zafferano, salare e unire un bicchiere d’acqua.
Far ritirare il sugo a fuoco basso per circa un’ora, mescolando di tanto in tanto, senza farlo asciugare troppo.
Lessare gli gnocchetti in abbondante acqua bollente salata, scolarli al dente e mescolarli al sugo, unendo anche il pecorino.
Distribuire nei piatti individuali e servire subito.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura