Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

giovedì 26 luglio 2012

Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea

Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea (6)

Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea (1)Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea (2)

Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea (3)Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea (4)

Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea (5)Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea (7)

Ricciolina con pancetta fresca, aglio e cipolla di Tropea.

La cipolla di Tropea è uno dei miei ingredienti preferiti e in questa stagione la si trova fresca: il suo profumo e la sua dolcezza donano ai piatti un qualcosa di speciale e per me rimane la base perfetta per i diversi condimenti dei miei piatti di pasta estivi.

Ovviamente la cipolla di Tropea si può coltivare nel proprio orto o balcone con risultati davvero eccezionali: mi ricordo quando da piccola la nonna mi mandava nell’orto a staccare una cipolla fresca per fare il soffritto… che bello sapere che le cipolle piantate dal nonno sarebbero finite direttamente nei nostri piatti, direttamente dall’orto alla tavola!

Adesso anche io le pianto e, ogni volta che ne stacco una per far da mangiare, la mia mente ritorna a quei giorni… e mi auguro che mio figlio possa godere della stessa magia…

Per questa ricetta ho utilizzato la pasta ricciolina doppio germe e fibra del Pastificio Morelli, una pasta biologica trafilata al bronzo dal gusto eccezionale, con una forma e una porosità che le consentono di sposarsi benissimo con qualsiasi tipo di condimento.

INGREDIENTI (per 4 persone)

400 gr di ricciolina

200 gr di pancetta fresca di maiale

1 cipolla di Tropea

2 spicchi d’aglio

olio extravergine d’oliva

sale

pepe

 

PROCEDIMENTO

Pelare la cipolla, spuntarla, tagliarla a metà e affettarla sottile a coltello: farla soffriggere in una padella assieme a due cucchiai d’olio e all’aglio tritato, senza farla asciugare troppo.

Aggiungere la pancetta, tagliata a coltello a cubetti, e far colorire un po’ il tutto, mescolando: regolare di sale e pepe e spegnere.

Lessare la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolarla al dente e mescolarla al condimento, distribuendolo bene e aggiungendo solo un filo d’olio crudo.

Distribuire nei piatti individuali e servire subito.

2 commenti:

  1. Ottimo questo primo! Anche se fa caldo si gusta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Monica, è veramente profumato questo primo e la pasta con germe di grano è fan tastica, da provare assolutamente!

      Elimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura