Liquore con noccioli di pesca

 
Liquore con noccioli di pesca Liquore con noccioli di pesca (1)
Un liquore della tradizione emiliana con il sapore dell'estate, da tenere sempre in dispensa per una degustazione davvero particolare: la ricetta proviene direttamente dal ricettario della mia nonna Gianna, che lo faceva tutti gli anni e lo offriva sempre agli ospiti dopo cena.
Cosa fare con i noccioli di pesca avanzati dalla preparazione di marmellata e pesche sciroppate?
Ecco una buona idea per utilizzarli e per creare bottigliette da regalare a Natale dentro cestini di prodotti fatti in casa con le vostre manine!
Per questa ricetta ho utilizzato lo zucchero semolato classico Eridania.

 
INGREDIENTI
    • 1 litro di alcool alimentare
    • 45 noccioli di pesca
    • 350 ml di acqua
    • 300 gr di zucchero semolato


PROCEDIMENTO

  • Lasciare in infusione i noccioli nell'alcool per 40 giorni in un contenitore di vetro al buio.
  • Dopo 40 giorni, fare lo sciroppo facendo bollire l'acqua con lo zucchero.
  • Far raffreddare ed unire all'infuso con i noccioli.
  • Far riposare 8 giorni, poi filtrare ed imbottigliare.
  • Aspettare almeno due mesi prima di degustare.

Commenti

  1. Ricetta corretta, già la conoscevo ad anche io lo faccio tutti gli anni , non ricordavo la dose per lo sciroppo.
    Molto buono. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca, mia nonna lo ha sempre fatto ed è veramente squisito! :)

      Elimina
    2. Non capisco perché prima dicono che i noccioli contengono un veleno (cianuro) e poi ne fanno un liquore

      Elimina
    3. Io ho letto che il cianuro si libera solo quando il seme viene masticato... quindi per questo nei liquori non c'è pericolo. Ecco il link: https://www.italiaatavola.net/salute-sport/alimentazione-integratori/2019/6/15/mele-pesche-ciliegie-attenzione-a-semi-e-noccioli/58213/#:~:text=Se%20il%20seme%20viene%20masticato,stomaco%20al%20velenoso%20acido%20cianidrico.&text=Anche%20il%20nocciolo%20della%20pesca%20racchiude%20un%20glicoside%3A%20l'amigdalina.

      Elimina
  2. Se diminuisco un po' lo zucchero, viene meno dolce. In genere l'ho sentito dolcissimo e vorrei riuscire a farlo meno dolce. Credo la gradazione alcolica rimanga invariata, o sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di sì, ma non ne sono sicura: io seguo sempre passo passo questa ricetta, che la mia nonna faceva tutti gli anni.

      Elimina
    2. Se metti meno zucchero la gradazione alcolica aumenta, ma di poco, perché l'alcool si diluisce su un volume totale minore

      Elimina
  3. Ma è l'amaretto di Saronno o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che l'amaretto di Saronno venga fatto con la mandorla amara... ma non ne sono sicura. Ciao e buona giornata, Monia.

      Elimina
  4. Lo faceva mia nonna. Ora lo sto provando a fare io. Il mio dubbio è sull'acqua e zucchero che bollendo diventa troppo sciroppo so come mi è successo con altri liquori. Deve proprio bollire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'acqua e lo zucchero devono essere portati a bollore, facendo sciogliere lo zucchero, poi puoi spegnere. Mia nonna lo faceva proprio così. Fammi sapere se è venuto buono o troppo sciropposo!! Ciao, Monia.

      Elimina
  5. La proporzione 3 a 1 dell'alcol sull'acqua genera un liquore a 65 gradi, credo che la ricetta vada corretta. Con queste dosi dopo due mesi è imbevibile e lo devo rimettere a riposare con altro sciroppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è la ricetta copiata pari pari dal ricettario di mia nonna, che ha fatto questo liquore per anni... non c'è mai stato nessun problema. Grazie del consiglio, comunque!! Ciao e buone feste, Monia.

      Elimina
  6. Posso mettere al posto del'alcol il vino bianco?e con 90 gr di. Alcol quanto zucchero quan ti noccioli e. quanta acqua ci. vuole?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che questo è un liquore che prevede alcool, non vino. Sinceramente non saprei indicarti le dosi esatte per il vino. Fammi sapere se provi. Buona giornata, Monia.

      Elimina

Posta un commento

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!