Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

domenica 16 dicembre 2012

Mandorle pralinate di nonno Galvan

Mandorle pralinate di nonno Galvan (9)

 

Mandorle pralinate di nonno Galvan (0)Mandorle pralinate di nonno Galvan (1)

Mandorle pralinate di nonno Galvan (3)Mandorle pralinate di nonno Galvan (4)

Mandorle pralinate di nonno Galvan (5)Mandorle pralinate di nonno Galvan (6)

Mandorle pralinate di nonno Galvan (7)Mandorle pralinate di nonno Galvan (8)

Mandorle pralinate di nonno Galvan

Questa ricetta è del nonno Galvan, suocero della mia amica Colette, che ogni tanto arriva al parco con delle bontà assolute come questa: è famoso per il croccante e gli spumini, squisiti entrambi, ma questa è la ricetta che preferisco su tutte:le mandorle pralinate!

Appena arrivano sono già sparite, una tira l’altra… insomma, bisognerebbe farne un quantitativo industriale: la ricetta è semplicissima e il risultato è ancora più buono di quelle che si trovano sulle bancarelle dei dolciumi.

Provare per credere!

Per questa ricetta ho utilizzato l’aromatico zucchero integrale Gulamerah di Bali Panela di Sane Bontà.

 

INGREDIENTI

200 gr di mandorle già sgusciate non pelate

6 cucchiai di zucchero

 

PROCEDIMENTO

Mettere mandorle e zucchero direttamente in un pentolino d’acciaio con il fondo spesso (altrimenti si brucia tutto!), accendere il fuoco a fiamma bassissima e cominciare a mescolare con un cucchiaio di legno: la tecnica giusta è continuare a mescolare senza mai fermarsi, facendo sì che lo zucchero sciolto si attacchi a poco a poco alle mandorle.

Dopo qualche minuto le mandorle saranno avvolte da uno strato granuloso e dorato di zucchero: questo è il momento di spegnere il fuoco.

Versare immediatamente le mandorle su una superficie di marmo o su un piano unto d’olio o ricoperto con carta da forno, dividerle grossolanamente con il cucchiaio di legno e farle raffreddare completamente.

A questo punto si possono gustare: che bontà!

Le mandorle già fredde si possono conservare qualche giorno in una scatola di latta… ma mi sa che non ne rimarrà nemmeno una!

Si possono anche mettere in sacchettini trasparenti e regalarle a Natale.

2 commenti:

  1. ciao queste mandorle mi fanno proprio gola..brava!!!a presto

    RispondiElimina
  2. Con questo procedimento io adoro le arachidi... :o)

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura