Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

martedì 13 novembre 2012

Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo

Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (12)

Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (1)Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (2)

Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (3)Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (4)

Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (5)Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (6)

Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (7)Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (9)

Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo (10)

Caserecce di pasta madre con farina bianca e farina d'orzo

Il pane  pasta madre è leggero e digeribile: la sua fragranza e il suo sapore rustico e “vero” riportano la mente ad altri tempi, in cui l’importanza del pane era fondamentale, sostentamento e alimento base di ogni famiglia.

Per questa ricetta ho utilizzato a farina biologica Arifa di Ruggeri.

INGREDIENTI (per 4 persone)

500 gr di farina bianca

500 gr di farina d’orzo

500 ml d’acqua

300 gr di pasta madre (rinfrescata la sera precedente)

2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva

1 cucchiaio di malto d’orzo

2 cucchiaini di sale

 

PROCEDIMENTO

Setacciare insieme le due farine e disporle a fontana sul piano di lavoro o in una larga ciotola: mettervi al centro la pasta madre, unire l’olio, il malto e il sale.

Unire a poco a poco l’acqua e amalgamare bene, impastando per qualche minuto, fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Formare una palla, inciderla a croce e farla riposare coperta da una ciotola fino a raddoppio (circa 6/8 ore, dipende dalla temperatura dell’ambiente).

Ricavare quattro pezzi d’impasto, stendere ogni pezzo a rotolo, poi lavorarlo con il palmo della mano rotolandolo su se stesso ed ottenendo quattro pani di forma allungata: coprirli con  un telo e farli riposare fino a raddoppio (circa due o tre ore).

Incidere con una lametta o un coltello affilato la superficie del pane per poi farla fiorire in cotture.

Cuocere in forno preriscaldato a 200°C fino a doratura (circa 30 minuti): togliere il pane dal forno e farlo raffreddare completamente.

A questo punto il pane può essere riposto in sacchetti per alimenti e conservato in freezer oppure essere scaldato e consumato subito.

1 commento:

  1. Che buone!! al pane non so davvero dire di no!!!
    Buona serata!
    Elisa

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura