Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

giovedì 18 giugno 2015

Pappardelle con pesto di mandorle e basilico

Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (16)
Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (1)Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (3)
Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (4)Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (5)
Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (6)Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (7)
Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (8)Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (9)
Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (10)Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (11)
Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (12)Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (13)
Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (14)
Pappardelle con pesto di mandorle e basilico (15)
 
 
La pasta al pesto mi piace da morire: d’estate è l’ideale, fresca, veloce, leggera… insomma, semplicemente fantastica!
Staccare le foglie del proprio basilico, sciacquarle velocemente e utilizzarle subito per condirci la pasta… bhe, non ha prezzo: tutti possono coltivare da sé una piantina nel proprio giardino o sul proprio balcone, basta un po’ d’acqua al giorno, nient’altro.
Questa è una versione velocissima, da fare al mixer, con due varianti sostanziali dall'originale pesto genovese: la mancanza di aglio e la presenza delle mandorle al posto dei pinoli.
Per questa ricetta ho scelto le pappardelle di Toscana biologiche al germe di grano del Pastificio Morelli, trafilate al bronzo e con una tenuta di cottura e una porosità ideali ad accogliere questo tipo di condimento.
 
INGREDIENTI (per 4 persone)
    • pappardelle 400 g
    • mandorle pelate 100 g
    • parmigiano grattugiato 100 g
    • foglie di basilico fresco 2 grandi manciate
    • olio extravergine d’oliva
    • sale grosso
 
PROCEDIMENTO
  • Mettere dentro il mixer le mandorle assieme a un pizzico di sale grosso e mixare per qualche secondo, a scatti, per ottenere una farina di mandorle grossolana.
  • Aggiungere le foglie di basilico e mixare velocemente, a scatti, per ottenere un composto omogeneo, giusto il tempo necessario, per non scaldarlo troppo.
  • Togliere il composto dal mixer e metterlo in una ciotola: aggiungere il parmigiano grattugiato e mescolare con una forchetta per amalgamare.
  • Aggiungere l’olio a filo (circa quattro cucchiai) per ottenere un condimento cremoso.
  • Lessare la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolarla al dente e metterla nuovamente in pentola, a fuoco spento, aggiungendo il pesto.
  • Mescolare velocemente per amalgamare il tutto e distribuire in piatti individuali, guarnendo con una foglia di basilico fresco.
  • Servire subito, unendo un filo d’olio a crudo.

6 commenti:

  1. che buono ..... quest'anno ancora non l'ho mai fatto il pesto ..... e pensare che che io non ho una piantina di basilico .....a momenti è un albero ...... ..si si ...lo farò anch'io ....ciao un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dài Nadia, devi farlo!! Il basilico è lì che ti aspetta! Io lo faccio più o meno un giorno sì e un giorno sì... lo adoroooo!!

      Elimina
  2. che meraviglia questa ricetta complimenti
    ciao ciao
    emme

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! E' una delle mie preferite... adoro il pesto!!!

      Elimina
  3. mi hai incuriosita, voglio provare a sostituire le mandorle ai pinoli. Sia mai che scopra un pesto più buono ed economico!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, confesso, piace di più il pesto con le mandorle che con i pinoli... sono un po' più grossolane e danno un qualcosa di rustico al piatto... poi sono più economiche!!

      Elimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura