Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

venerdì 2 marzo 2012

Purè di patate

Purè di patate

P1150941P1150942

P1150943

Farfalle-con-pur-di-ptate-e-wurstel-[19]Purè di patate (3)

Farfalle-con-pur-di-ptate-e-wurstel-[10]

Farfalle-con-pur-di-ptate-e-wurstel-[1]Farfalle-con-pur-di-ptate-e-wurstel-[6]

Il purè è uno dei contorni più versatili che ci siano e di solito piace a tutti: è ottimo per accompagnare arrosti, selvaggina, umidi e tanti altri piatti della tradizione.

Mi ricordo di quando ero piccola e non c’era domenica senza il purè, che accompagnava l’arrosto o il lesso: che bontà!

Ma il purè me lo ricordo anche pensando a quando avevo l’influenza e la nonna mi preparava un bel purè sostanzioso, magari con un uovo dentro, così “ti tira su”.

Quando lo preparo ne faccio in abbondanza, sperando che ne rimanga un po’ per il giorno dopo… ma spesso finisce lo stesso!

Meglio usare patate “vecchie”, non quelle novelle, che invece sono troppo acquose.

Per questa ricetta ho utilizzato il burro biologico dell’azienda Montanari & Gruzza di Sant’Ilario d’Enza (RE), che produce il proprio burro utilizzando la panna proveniente dai caseifici produttori del Parmigiano Reggiano.

 

INGREDIENTI (per 4 persone)

1 k di patate

100 gr di parmigiano grattugiato

latte

burro

noce moscata

sale

pepe

 

PROCEDIMENTO

Lavare le patate, metterle in una pentola grande e riempire d’acqua. Salare leggermente, portare a bollore e cuocere fino a cottura delle patate (dipende dalla dimensione delle patate). Le patate devono risultare morbide: fare la prova con la forchetta.

Scolare le patate, sbucciarle ancora calde e passarle con il passapatate: raccogliere la purea in una casseruola a fondo spesso, unire una grossa noce di burro, il parmigiano, una presa di sale, pepe e una bella grattata abbondante di noce moscata.

Mettere su fuoco bassissimo, aggiungendo il latte a filo, mescolando continuamente, fino a portare a bollore e a raggiungere una consistenza morbida, cremosa, ma non liquida: raccogliendolo con il cucchiaio di legno non deve colare giù, ma rimanere ben sodo.

Far intiepidire leggermente e servire.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura