Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

lunedì 20 febbraio 2012

Sfrappole

Sfrappole (20)

Sfrappole (1)Sfrappole (2)Sfrappole (3)

Sfrappole (4)Sfrappole (5)Sfrappole (6)

Sfrappole (7)Sfrappole (8)Sfrappole (9)

Sfrappole (11)Sfrappole (12)Sfrappole (13)

Sfrappole (14)Sfrappole (15)Sfrappole (16)

Sfrappole (17)Sfrappole (18)

Sfrappole (19)

E' un dolce tipico del periodo di carnevale: questa è la versione bolognese che si fa a casa mia e le sfrappole risultano leggere, friabili e assolutamente irresistibili!

Più o meno in tutte le città d’Italia c’è la versione locale, che cambia nel nome (frappe, chiacchiere, ecc), nella forma (lisce, con nodo, a rosellina, ecc) o nel metodo di cottura (fritte o al forno).

Per questa ricetta ho utilizzato zucchero semolato dell’azienda  Italia Zuccheri, che produce l’unico zucchero certificato 100% italiano: è una cooperativa che riunisce 7.000 aziende situate in Emilia-Romagna e Veneto e l’intera filiera è gestita dall’azienda Italia Zuccheri, dalla semina alla distribuzione.

Per maggiori informazioni sull’azienda Italia Zuccheri, si può visitare il sito:  http://www.italiazuccheri.it/.

 

INGREDIENTI (per un vassoio di sfrappole)


1 uovo
1 cucchiaio di olio di semi di mais
1 cucchiaio di zucchero semolato
1 cucchiaio di aceto
150/200 gr di farina


olio di semi d’arachidi o strutto per friggere

zucchero a velo


PROCEDIMENTO

Impastare tutti gli ingredienti aggiungendo gradatamente la farina, quanto basta per ottenere un impasto liscio ed omogeneo: far riposare 30 minuti a temperatura ambiente coperto con una ciotola.
Stendere la sfoglia molto sottile con la macchina stendipasta, e farle asciugare leggermente su una tovaglia, poi ricavare delle strisce lunghe 15 cm e larghe 5 cm circa, dare la forma voluta (nodo, rosellina, nastro, ecc) e friggere in abbondante olio o strutto bollente per pochi istanti, girandole una sola volta: devono essere appena colorite, non troppo, altrimenti perdono in friabilità e croccantezza.
Scolare le sfrappole con una schiumarola facendo colare l’olio in eccesso e farle asciugare in verticale in una ciotola ricoperta con carta da cucina: disporre le sfrappole ancora tiepide su un vassoio e cospargere con zucchero a velo a pioggia.

Sono buonissime anche fredde, ma tiepide, appena fatte, sono una favola!

Si conservano pochi giorni, ma mano mano che passa il tempo perdono in friabilità: difficile, comunque, che rimangano!

1 commento:

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura