Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

giovedì 19 giugno 2014

Spaghetti al pesto

Spaghetti al pesto (6)
Spaghetti al pesto (1)Spaghetti al pesto (2)
Spaghetti al pesto (3)Spaghetti al pesto (4)
Spaghetti al pesto (5)
Un classico della cucina ligure, eccellenza italiana conosciuta nel mondo per il suo generoso e profumato basilico, base essenziale per questo piatto della tradizione.
La semplicità di questo piatto è unica, ma i passaggi sono essenziali per creare una pasta cremosa e piacevole da gustare.
Il trucco per la buona riuscita sta anche nella qualità della pasta: io uso gli spaghetti biologici del Pastificio G. Di Martino, che tengono bene la cottura e sono ruvidi come piace a me, per raccogliere in maniera esemplare il pesto.
Direi che gli spaghetti al pesto sono uno dei miei piatti preferiti per eccellenza e d’estate poto la mia pianticella di basilico dell’orto almeno una volta la settimana per preparare questo bel piatto sano gustoso e vegetariano, che mette d’accordo tutta la mia famiglia, onnivori compresi!

INGREDIENTI (per 4 persone)
400 gr di spaghetti
1 manciata abbondante di foglie di basilico appena colte
2 cucchiai di parmigiano
2 cucchiai di pecorino
2 cucchiai di pinoli
sale

PROCEDIMENTO
La tradizione vuole che il basilico (pulito con un panno e non lavato) venga pestato nel mortaio di marmo con un pizzico di sale, poi vengano aggiunti i pinoli e, per ultimo, l’olio extravergine d’oliva a filo, amalgamandolo delicatamente.
Per concludere, amalgamare la miscela di metà parmigiano e metà pecorino, mescolando con un cucchiaio di legno.
Questa è la tradizione e vi dirò che non è nemmeno così complicato ritagliarsi una decina di minuti per fare un buon pesto secondo tutti i dogmi: capita però di andare di fretta (ahimè) e a volte anche io butto basilico appena colto, un pizzico di sale e i pinoli nel mixer, dando una veloce frullata ad intermittenza (per non scaldare le lame e ossidare irrimediabilmente il basilico), poi aggiungo l’olio a filo e mescolo delicatamente, tanto quanto basta per ottenere un pesto cremoso.
Il formaggio va aggiunto sempre per ultimo: questo è un segreto che mi ha confessato una genovese doc!
Lessare la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolare al dente e tenere da parte un mestolino di acqua di cottura.
Condire la pasta con il pesto, fuori dal fuoco, aggiungendo pian piano l’acqua di cottura e mescolare delicatamente con un cucchiaio di legno per amalgamare bene e far sciogliere pian piano il formaggio.
Disporre nei piatti individuali e servire subito, guarnendo con foglie di basilico fresche.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura