Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

venerdì 6 marzo 2015

Polenta fritta

Polenta fritta (9)
Polenta fritta (0)Polenta fritta (1)
Polenta fritta (2)Polenta fritta (3)
Polenta fritta (5)Polenta fritta (6)

La polenta: che magnifica preparazione!
La polenta dalle mie parti ha salvato un sacco di gente dalla fame nei duri tempi della guerra ed è uno di quei piatti della tradizione che non andrebbero mai dimenticati.
Un bel paiolo borbottante di polenta mi riporta indietro la memoria, quando la nonna la “metteva su” e stava lì a girare con due mani il cucchiaione di legno, per non farla attaccare… non era quella istantanea, era quella che ci metteva un’ora a cuocere.
La nonna mandava il nonno al mercato o al negozio di granaglie e si raccomandava che la farina “di frumentone” fosse mezza grossa e mezza fine, perché solo così si otteneva la polenta migliore!
Quando era pronta prendeva il pentolone e rovesciava la polenta sul tagliere di legno e lì, fumante e bollente all’inverosimile, riposava qualche minuto prima di essere servita a cucchiaiate nei piatti fondi e ricoperta di ragù e “forma” grattugiata.
Scaldava l’ambiente e il cuore.
Quando la polenta rimaneva, si faceva raffreddare a temperatura ambiente e il giorno dopo, per la mia grande gioia, si tagliava a fettine e si friggeva nel tegame con l’olio: io adoro la polenta fritta, croccante, croccantissima!
Diciamo che si potrebbe anche preparare la polenta apposta per poi farla raffreddare e friggerla… come ho fatto io questa volta!!
Ho utilizzato la polenta istantanea (si fa prima ed è ottima per questo uso!) dell’azienda Casale1485 e il risultato è stato eccellente.
W la polenta allora!

INGREDIENTI (per 4 persone)

    • farina di mais per polenta rapida 400 g
    • acqua 1,2 litri
    • sale grosso 1 pugno
    • olio extravergine d’oliva

PROCEDIMENTO
Mettere sul fuoco una pentola con 1,2 litri d’acqua con un pugno di sale grosso: quando l’acqua comincia a scaldarsi, versare a pioggia la farina da polenta istantanea, mescolando e cuocendo a fuoco medio per tre minuti.
Spegnere e versare su un tagliere o in una teglia appena unta d’olio.
Far raffreddare completamente la polenta a temperatura ambiente (meglio prepararla il giorno prima, si può anche mettere in frigorifero e coprire con pellicola per alimenti per non farla seccare).
Tagliare la polenta a fette spesse circa 1/2 cm, poi a rettangoli di circa tre/quattro cm di lato.
Friggere i rettangolini in una padella piena d’olio bollente (la polenta deve essere sommersa dall’olio).
Friggere fino a far diventare croccante, scolare su carta assorbente e servire bollente.

2 commenti:

  1. Con questa ritorno bambina.... che buona!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dillo a me!! Ogni volta che la friggo, mi perdo incantata a guardare le bollicine nella padella... intanto la mente torna ai ricordi... che bello!! Ciao e a presto, Monia.

      Elimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura