Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

martedì 30 agosto 2011

Fregula sarda con patate, calamari e pane carasau

Fregola sarda con calamari, patate e pane carasau (1)    Fregola sarda con calamari, patate e pane carasau (2)    Fregola sarda con calamari, patate e pane carasau (3)    Fregola sarda con calamari, patate e pane carasau (4)Fregola sarda con calamari, patate e pane carasau (5)    Fregola sarda con calamari, patate e pane carasau (6)    Fregola sarda con calamari, patate e pane carasau (7)Fregola sarda con calamari, patate e pane carasau (8)
La fregula (o "fregola") sarda è una pasta di semola che si presta bene a vari condimenti, soprattutto di pesce: è un piatto tipico del sud della Sardegna (Campidano-Sulcis, Inglesiente e Isola di San Pietro, Isola di Sant'Antioco).
Io avevo a disposizione dei calamari appena pescati nel mare attorno a La Maddalena e non mi sono fatta scappare l’occasione per “inventare” questo piatto in onore della Sardegna.

INGREDIENTI (per 4 persone)
250 gr di fregola sarda
4 calamari freschi
2 patate
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
olio extravergine d’oliva
sale
pepe

Per il brodo vegetale:
acqua
1 cipolla
1 carota
1 costa di sedano
sale grosso

PROCEDIMENTO
Per il brodo: pulire le verdure, pelarle e metterle in una pentola colma di acqua con un  pugno di sale: portare a bollore e abbassare la fiamma. Far sobbollire almeno una mezz’ora e tenere da parte.
In una grande padella mettere quattro cucchiai di olio, farvi soffriggere leggermente cipolla e aglio tritati, poi unire le patate (pelate e tagliate a cubetti non troppo grandi): farle rosolare un po’ a fuoco vivo, poi unire i calamari e mescolare.
Aggiungere la fregola e un mestolo di brodo caldo, mescolando e proseguendo la cottura finché la fregola risulta cotta, unendo altro brodo poco per volta e solo se si asciuga troppo.
Regolare di sale e pepe, spegnere e disporre in piatti individuali: servire aggiungendo a piacere pane carasau nel piatto all’ultimo momento, per mantenerne la friabilità.

2 commenti:

  1. Gnam, che attentato questa ricetta! Ancora non ho cenato e mi hai fatto aumentare la salivazione (ma tanto so che mi sarebbe aumentata lo stesso)! :D
    Grazie per il bel commento! Goditi la Sardegna! :D

    A prestissimissimo, baci!

    RispondiElimina
  2. Me la godrò infinitamente: è meraviglioso qui! Stai sicura che arriveranno tante altre ricette sarde... mi sto sbizzarrendo a trovare vecchie e nuove ricette con i prodotti locali... che bellezza!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura