Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

martedì 24 dicembre 2013

Pane di pasta dura condito - Pane all'olio

Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (11)

Olio NaturaPane di pasta dura condito - Pane all'olio (1)

Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (2)Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (3)

Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (4)Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (5)

Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (6)Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (7)

Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (8)Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (9)

Pane di pasta dura condito - Pane all'olio (10)

Pane di pasta dura condito - Pane all'olio

Questo tipo di pane è presente in ogni forno bolognese ed è la versione condita del pane comune.

Può avere forme diverse: barilino, montasù, crocetta, ragnino, ecc.

Per questa ricetta ho utilizzato l’Olio Natura, olio 100% italiano appartenente alla varietà cultivar "coratina", oliva tipica dell'area nord barese, in Puglia: la coltivazione di questo olio è senza pesticidi, senza fertilizzanti e senza l’utilizzo di irrigazione artificiale, nella filosofia del “Natural Farming”.

 

INGREDIENTI

1 kg di farina 0

500 gr di biga

450/500 ml di acqua tiepida

60 gr di strutto

60 ml di olio extravergine d'oliva

25 gr di lievito di birra fresco (1 cubetto)

20 gr di sale fino

 

PROCEDIMENTO

Fare la fontana con la farina, mettervi al centro la biga, il lievito sbriciolato e impastare leggermente con poca acqua.

Unire il sale sciolto in poca acqua, l'olio, lo strutto e impastare unendo a poco a poco l'acqua rimasta, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo (5 minuti).

Formare una palla, e metterla dentro una ciotola, coprirla con pellicola e un canovaccio e far levitare a temperatura ambiente fino a raddoppio (circa 30 minuti).

Prelevare piccole porzioni d'impasto e modellare la pasta creando le forme volute (ragnino, crocetta, montasù, mustafà, barilino, ecc.) e praticare i tagli con la lametta se necessario.

Disporre le forme ottenute ben distanziate su fogli di carta da forno, coprire con un telo di nylon e far lievitare fino a raddoppio (circa 30 minuti).

Cuocere in forno preriscaldato a 200°C-220°C fino a doratura, sfornare e far raffreddare su una gratella o in un cesto di vimini coperto con un canovaccio.

A questo punto si può mettere in sacchetti per alimenti e riporre in freezer: al momento dell'utilizzo, passare i panini direttamente dal freezer al forno finché saranno scongelati e leggermente croccanti.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura