Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

domenica 10 giugno 2012

Spiedini di code di gambero alla griglia con pangrattato aromatico

Spiedini di code di gambero alla griglia con pangrattato aromatico (7)

Spiedini di code di gambero alla griglia con pangrattato aromatico (1)Spiedini di code di gambero alla griglia con pangrattato aromatico (2)Spiedini di code di gambero alla griglia con pangrattato aromatico (3)Spiedini di code di gambero alla griglia con pangrattato aromatico (4)Spiedini di code di gambero alla griglia con pangrattato aromatico (5)Spiedini di code di gambero alla griglia con pangrattato aromatico (6)

Tutto ciò che viene cotto alla griglia diventa superlativamente buono: se ci aggiungiamo che è una cottura priva di grassi, quindi salutare, cosa possiamo dire… w la griglia!

In questa ricetta ho preparato degli spiedini di code di gambero che ho precedentemente passato nel pangrattato aromatico all’aglio e prezzemolo: se si prepara con pangrattato senza glutine, diventa una ricetta adatta anche a chi offre di celiachia.

I piatti su cui ho servito questi spiedini sono della linea Antibes di Vetri delle Venezie (Vetrerie Riunite).

 

INGREDIENTI (per 8 spiedini)

40 code di gambero (circa 600 gr)

300 gr di pangrattato aromatico con aglio e rosmarino

olio extravergine d’oliva

 

PROCEDIMENTO

Sciacquare velocemente le code di gambero sotto l’acqua corrente, togliere i guscio e inciderli con un coltellino lungo la schiena  e togliere il budellino nero.

Se si utilizzano spiedini di legno, mettere a mollo in acqua gli spiedini per 15 minuti prima di utilizzarli: questo procedimento farà sì che non si brucino durante la cottura.

Inserire i gamberi negli spiedini: ogni gambero dovrà essere inserito in due punti, altrimenti si potrebbe staccare durante la cottura.

Bagnarsi le mani di olio e ungere delicatamente i gamberi, passarli nel pangrattato aromatico e metterli su un vassoio.

Cuocere i gamberi direttamente sulla griglia rovente, giusto pochi istanti: rigirarli per terminare la cottura.

E’ necessario non cuocerli troppo, altrimenti diventeranno stopposi e duri.

Servire subito.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura