Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

lunedì 22 agosto 2011

Melanzane e peperoni sott’olio della Zia Iole

Melanzane e peperoni sott'olio (1) Melanzane e peperoni sott'olio (2) Melanzane e peperoni sott'olio (3) Melanzane e peperoni sott'olio (4)     Melanzane e peperoni sott'olio (5)  Melanzane e peperoni sott'olio (6)
Melanzane e peperoni sott'olio della zia Iole

Metti una mattina d’agosto, una di quelle tra donne (io, mia mamma e mia suocera) più un futuro cuochetto di sette anni e mezzo (mio figlio, Riccardo): una bella giornata calda, da condividere in un garage colmo di melanzane e peperoni, pentoloni d’aceto fumante e vasi vuoti da riempire con il sapore dell’estate… risultato…  le famose melanzane sott’olio con i peperoni, vecchia ricetta della zia Iole, che da Avellino ci ha portato questa fantastica ricetta, che da anni gustiamo con piacere. Ottime come antipasto, come contorno o come rompifame con una bella pagnotta di pane.

INGREDIENTI (per circa 6 vasi da mezzo chilo)
4 kg di melanzane lunghe
1 kg di peperoni misti rossi e gialli
4 spicchi d’aglio
olio di semi di girasole
aceto di vino
vino bianco
origano secco
polvere di peperoncino rosso piccante (facoltativo)
sale grosso

PROCEDIMENTO
Lavare le melanzane, spuntarle, pelarle e tagliarle a fette rotonde, poi a listarelle di circa 1/2 cm di spessore. Metterle in un colapasta, mettendo uno strato di melanzane e una manciata di sale grosso e proseguendo fino a terminare le melanzane. Coprire con un piatto per pressarle, aggiungendo un peso sopra, e aspettare una mezz’ora/1 ora, affinché buttino fuori tutto il loro liquido amaro. Toglierle dal colapasta, sciacquarle bene sotto acqua corrente eliminando il sale, strizzarle e cuocerle in un tegame pieno di aceto e vino bollente in uguali proporzioni: contare 5 minuti e scolarle: è bene rispettare il tempo esatto, altrimenti risulteranno troppo molli e non si otterrà un buon risultato. Strizzarle bene e disporle su su un tavolo sopra un canovaccio pulito, stendendole bene, senza ammassarle, coprire con un altro telo e far asciugare tutta la notte.
Lavare i peperoni, eliminare picciolo, semi e parti bianche e tagliarli a quadratini di circa due cm di lato. Cuocerli due minuti in una pentola piena di aceto e vino bollenti in uguali proporzioni, scolarli e stenderli su un tavolo ricoperto con un canovaccio pulito, ricoprire con un altro canovaccio e lasciare asciugare per tutta la notte.
Il giorno dopo, quando saranno asciutti, raccogliere le melanzane e i peperoni in una capiente ciotola e unire l’aglio tritato, una manciata di origano secco e, a piacere, un po’ di polvere di peperoncino: mescolare bene con le mani, amalgamando tutti gli ingredienti.
Prendere dei vasi sterilizzati e asciutti, versare sul fondo due cucchiai d’olio e unire due o tre cucchiaiate del misto di peperoni e melanzane: lavorare con un cucchiaio per fare assorbire l’olio del fondo al composto, finché l’olio non affiora sopra. Proseguire mettendo altre melanzane e peperoni e lavorare col cucchiaio: ripetere l’operazione, senza aggiungere altro olio, fino ad arrivare a due cm dal bordo del vaso. Battere il vaso delicatamente sul tavolo per eliminare eventuali bolle d’aria, poi aspettare una mezz’ora: aggiungere un po’ d’olio se serve a coprire le melanzane e i peperoni, poi chiudere stringendo bene il coperchio.
Mettere i vasi in una grande pentola, riempire d’acqua a temperatura ambiente ricoprendoli completamente e portare a bollore: sterilizzare per 20 minuti e spegnere. Far raffreddare i vasi nell’acqua e toglierli solo quando saranno completamente freddi.
Togliere i vasi dalla pentola, asciugarli bene e riporli in un luogo buio e asciutto.
Aspettare almeno tre mesi prima di consumarli: si conservano per un anno/un anno e mezzo.

3 commenti:

  1. Mi piacciono molto le conserve sott'olio , a presto

    RispondiElimina
  2. Questa è davvero buona: l devi provare!! Si lavora un po', ma il risultato vale la fatica!!

    RispondiElimina
  3. Ottima preparazione. Con mia madre li abbia sempre fatti crudi,con sale e aceto, mai bolliti.

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura