Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

domenica 13 gennaio 2013

Coda di rospo gratinata al forno

Coda di rospo gratinata al forno (5)

Coda di rospo gratinata al forno (1)Coda di rospo gratinata al forno (2)

Coda di rospo gratinata al forno (3)Coda di rospo gratinata al forno

Coda di rospo gratinata al forno (4)

Coda di rospo gratinata al forno

La coda di rospo non è altro che la rana pescatrice, un pesce estremamente buono, di cui si utilizza appunto la coda, carnosa, morbida e dal gusto delicato, che si presta a diverse interpretazioni culinarie.

A me non piace lavorare troppo gli ingredienti, mi piace sentire i sapori veri del cibo che preparo, senza grandi fronzoli o cotture invasive: questa coda di rospo è solamente impanata e cotta al forno con un filo d’olio, mantenendo tutto il gusto e la  morbidezza di questo pesce incredibile.

Ho servito la coda di rospo accompagnandola con un vino bianco dell’Alto Adige, il Gerwurztraminer della Cantina Tramin, che ha esaltato questo piatto con la sa nota fresca e aromatica.

 

INGREDIENTI (per 4/6 persone)

1 kg circa di coda di rospo già pulita

1 mazzetto di prezzemolo fresco

1 spicchio d’aglio

pangrattato

olio extravergine d’oliva

sale

 

PROCEDIMENTO

Preparare il pangrattato aromatico tritando il prezzemolo e aglio nel mixer, poi unire il pangrattato e mixare assieme.

Unire tre cucchiai d’olio e mescolare bene.

Mescolare il pangrattato aromatico con una presa di sale.

Disporre il pangrattato aromatico in una teglia e adagiarvi sopra la coda di rospo pulita:  praticare due incisioni ai lati, lungo la spina centrale, e rigirarla nel pangrattato e pressarla leggermente per ricoprirla bene su tutta la superficie.

Ungere appena una teglia da forno pulita e sistemarvi la coda di rospo impanata: terminare con un filo d’olio sopra.

Cuocere la coda di rospo in forno preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti, finché sarà leggermente colorita in superficie: non si deve asciugare troppo, altrimenti diventa stopposa.

Sfornare e controllare la cottura (si deve staccare bene dalla lisca centrale e non deve essere umida al centro).

Servire la coda di rospo sul piatto da portata, accompagnandola con il Gerwurztraminer fresco.

8 commenti:

  1. Un bel piatto da festa adatto anche a questo periodo di depurazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sara, la coda di rospo è sempre buona! Così semplice, poi, fa anche tanto bene!

      Elimina
  2. Che significa praticare due incisioni ai lati, lungo la spina centrale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, intendo incidere per il lungo la polpa con un coltello sia da un lato che dall'altro della spina dorsale, perché si cuocia meglio (non arrivare fino in fondo, incidi solamente!). Ciao, Monia.

      Elimina
  3. non sapevo come cucinare la coda di rospo, questa ricetta ha risolto il mio problema, vorrei sapere inoltre se nella teglia si potrebbero aggiungere delle patate. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Danilo, il problema delle patate è che 20 minuti di cottura forse sono un po' pochini... puoi cuocerle a parte, in un'altra teglia, oppure tagliarle a cubetti molto piccoli. Grazie per essere passato! Ciao, Monia.

      Elimina
  4. Nella panure mettete anche un pizzico di scorza di limone grattato.
    E se ne avete, mettete la coda di rospo su un letto di foglie di limone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonissima idea, grazie mille. Mi raccomando, che le foglie siano biologiche, non trattate! Ciao e buona giornata, Monia.

      Elimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura