Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

lunedì 21 maggio 2012

Crema pasticcera alla vaniglia con brigidini di Lamporecchio

Crema pasticcera (5)Crema pasticcera (1)Crema pasticcera (2)Crema pasticcera (3)Crema pasticcera (4)Crema pasticcera (6)Crema pasticcera (7)

La crema pasticcera è la base di tanti dolci, ma può essere anche da sola uno squisito dessert.

Gli ingredienti necessari sono pochissimi, ma proprio per questo necessitano di un’attenzione particolare: io ho utilizzato latte biologico e uova biologiche freschissime, una stecca di vaniglia (no alla vanillina, prodotto industriale di cui possiamo sicuramente fare a meno) o, in alternativa, scorza grattugiata di un limone biologico (altrimenti ci mangiamo una crema pasticcera ai pesticidi!).

Io ho servito questa deliziosa crema in tazze monoporzione, accompagnandola con i deliziosi brigidini di Lamporecchio dell’azienda Rinati di Pistoia, che produce prodotti tipici di alta qualità dal torrone ai brigidini, nel rispetto dell’antica tradizione toscana: i brigidini sono delle cialdine croccanti al sapore d’anice, gradevoli e delicati nel gusto, adatti sia ad essere consumati da soli che come accompagnamento a crema e dolci al cucchiaio.

I prodotti contrassegnati con l’asterisco appartengono al Commercio Equosolidale.

 

INGREDIENTI (per 6 persone)

500 ml di latte

150 gr di zucchero semolato fine

100 gr di tuorli

40 gr di farina

1 stecca di vaniglia*

1 scatola di brigidini di Lamporecchio

 

PROCEDIMENTO

Incidere la stecca di vaniglia per il lungo con un coltellino, poi raschiarne i semi e aggiungere sia semi che stecca al latte (oppure tenere da parte la stecca e metterla in un barattolo di zucchero per ottenere del buonissimo zucchero vanigliato).

Mettere il latte con la vaniglia in una casseruola, aggiungere metà dello zucchero e portare a bollore, poi spegnere.

Sbattere i tuorli in una ciotola con la metà rimasta dello zucchero con la frusta a mano, fino ad ottenere un composto chiaro: unire la farina e sbattere per amalgamare.

Unire il latte a filo nella ciotola con i tuorli, sbattendo con la frusta, amalgamando bene.

Mettere tutto nuovamente nella casseruola al minimo e portare a bollore, mescolando di continuo con la frusta e facendo attenzione a non fare attaccare la crema sul fondo: far addensare la crema fino alla consistenza desiderata, sempre mescolando (deve solo sobbollire).

Quando la crema avrà la consistenza giusta, versarla con un mestolino nelle coppette individuali e farla raffreddare a temperatura ambiente.

Quando è fredda, riporla in frigorifero e aspettare almeno un’ora prima di servirla.

Servire la crema accompagnando ogni tazza con una manciata di brigidini croccanti.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura