Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

martedì 24 gennaio 2012

Pane cassetta semi integrale

Pane cassetta integrale (12)Pane cassetta integrale (1)Pane cassetta integrale (4)Pane cassetta integrale (5)Pane cassetta integrale (6)Pane cassetta integrale (7)Pane cassetta integrale (8)Pane cassetta integrale (9)Pane cassetta integrale (10)

     Pane cassetta integrale (11)   Pane cassetta integrale (13)   Pane cassetta integrale (14)

Questo pane è stata una bellissima sorpresa: mescolando due tipi di farina e aggiungendo pochi altri elementi semplici, ho ottenuto una pagnotta versatile, friabile all’esterno e morbida e compatta all’interno, ideale per toast e panini, ma anche come accompagnamento ai pasti quotidiani.

Per questa ricetta ho utilizzato i prodotti di Molino Chiavazza, sia la farina 0 che la farina integrale: il risultato è stato eccellente!

Per saperne di più sui prodotti di Molino Chiavazza, ecco i riferimenti:

- Sito Web: http://www.molinochiavazza.it/

- Blog: http://cultura-del-frumento.blogspot.com/

- E-mail: info@molinochiavazza.it

 

INGREDIENTI (per una pagnotta di 1,5 kg)

500 gr di farina 0

500 gr di farina integrale

500 ml di acqua

4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

2 cubetti di lievito di birra da 25 gr (o 2 bustine da 7 gr)

2 cucchiaini di sale fino

2 cucchiaini di malto (o zucchero)

semi vari (facoltativo)

 

PROCEDIMENTO

Versare le farine in una ciotola (o fare la fontana) e mettervi al centro tutti gli altri ingredienti (tranne i semi): mescolare e impastare con le mani, fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Formare una palla e coprire con una ciotola: far riposare per tre ore a temperatura ambiente.

Dopo la lievitazione, prendere l’impasto, lavorarlo velocemente a cilindro e metterlo in uno stampo da plumcake da 1 kg (precedentemente foderato con carta da forno.

Far lievitare a temperatura ambiente un’ora, poi incidere la superficie con una lametta, o un coltellino molto affilato, creando un taglio profondo centrale per il senso della lunghezza: questo servirà per far “fiorire” (cioè aprire) il pane in cottura.

Cuocere il pane, direttamente dentro lo stampo, in forno preriscaldato alla massima temperatura (250° e oltre) per circa 30 minuti: il pane deve risultare croccante e dorato all’esterno, ma soffice all’interno.

Sfornare il pane, toglierlo dallo stampo e farlo raffreddare completamente su una gratella per dolci.

Il pane si può ora congelare oppure utilizzare subito: si tagliano fette dello spessore desiderato e si servono sia fredde che scaldate in forno.

Questo pane è ideale per toast, tramezzini, panini o come accompagnamento a carni, pesci e verdure durante i pasti.

 

ShabbyBlogsDividerJ

Con questa ricetta partecipo al Contest “Mani in pasta – Comfort Food” ideato dal Blog “La Cultura del Frumento” di Molino Chiavazza.

Considero questa ricetta “Comfort Food” perché ha il sapore di casa, un odore che per me appartiene al pane appena sfornato, con tutto l’amore e la passione che è passato dalle mani all’impasto vivo, fino a esplodere nell’aroma fragrante che accompagna con silenziosa autenticità i pasti quotidiani.

3 commenti:

  1. questo pane dev'essere una delizia!!! copio subito la ricetta!! grazieeeee e buon giorrrrrno ^_^

    RispondiElimina
  2. Sara' davvero buono...poi il pane fatto in casa e' sempre il piu' buono!!!Brava ^^

    RispondiElimina
  3. Ciao piacere! grazie di essere passata da me! in effetti avevo già visitato il tuo bellissimo blog, mi ricordo la grafica shabby appunto, e tante ricette buonissime! sei di Bologna mi sembra o sbaglio? a presto! ps buonissimo il pane in cassetta integrale! mi segno la tua ricetta!

    RispondiElimina

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura