Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

giovedì 29 novembre 2012

Pancarrè di pasta madre con farina di segale e miele

Pancarrè con farinaa di segale e miele (9)

Pancarrè con farinaa di segale e miele (1)Pancarrè con farinaa di segale e miele (2)

Pancarrè con farinaa di segale e miele (3)Pancarrè con farinaa di segale e miele (4)

Pancarrè con farinaa di segale e miele (5)Pancarrè con farinaa di segale e miele (6)

Pancarrè con farinaa di segale e miele (7)Pancarrè con farinaa di segale e miele (8)

Pancarrè con farinaa di segale e miele (10)

Pancarrè di pasta madre con farina di segale e miele

Questo pancarrè è molto profumato e rustico, grazie alla presenza della pasta madre, della farina di segale e del miele.

Una volta cotto e fatto raffreddare completamente, si può tagliare a fette e conservarlo in freezer, avendo l’accortezza di separare le fette con carta trasparente per alimenti perché non si attacchino.

Ottimo per toast, sandwich, crostini o pane comunemente servito a tavola.

Per questa ricetta ho utilizzato il miele millefiori biologico Sarchio.

 

INGREDIENTI (per 2 filoni di pancarrè)

500 gr di farina semintegrale

500 gr di farina di segale

500 ml di latte

300 gr di pasta madre (rinfrescata la sera precedente)

60 ml di olio extravergine d’oliva

2 cucchiai colmi di miele

2 cucchiaini di sale

 

PROCEDIMENTO

Mettere le farine setacciate in una ciotola, porvi al centro la pasta madre, il miele, l’olio e il sale sui bordi.

Versare il latte e impastare il tutto fino ad ottenere una palla liscia e omogenea: coprirla con una ciotola e farla lievitare tutta la notte.

La mattina successiva, dividere in due l’impasto e formare due filoncini lavorando la pasta velocemente, senza strapazzarla troppo: disporre i due filoncini in altrettanti stampi da plumcake da 1 kg, coprire con un canovaccio e far lievitare fino a raddoppio (4/5 ore).

Cuocere i due pani a cassetta in forno preriscaldato a 200°C per circa 30/40 minuti: alla fine il pane a cassetta dovrà risultare morbido all’interno e dorato all’esterno.

Sfornare, far raffreddare e conservare a temperatura ambiente fino a 5/6 giorni, tagliando le fette all’occorrenza e scaldandole in forno o sulla piastra.

Si possono anche congelare e riscaldare all’occorrenza: la cosa importante è tenere le fette divise le une dalle altre con pellicola per alimenti, per non farle attaccare.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Grazie per aver dato una sbirciatina al mio Blog: sarò felice se vorrai lasciare un commento, sia positivo che di critica, perché ritengo che ogni cosa si possa sempre migliorare.
Non verranno pubblicati commenti sgarbati, offensivi o con link pubblicitari: per comunicare direttamente con me, puoi scrivere a ricettenonna@gmail.com
Ciao e grazie per la tua visita!

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura